COVIP, pubblicato il comparatore dei costi delle forme pensionistiche complementari

La COVIP ha pubblicato il Comparatore dei costi delle forme pensionistiche complementari, uno strumento interattivo che consente di raffrontare, anche in forma grafica, gli Indicatori sintetici dei costi (ISC) relativi a differenti linee di investimento di una o più forma pensionistica complementare.

Per favorire il confronto dell’onerosità tra le diverse forme pensionistiche, segnala infatti la Commissione nella presentazione del nuovo servizio, viene utilizzato l’ISC (Indicatore sintetico di costo), un indicatore “che esprime in modo semplice e immediato il costo annuale, in percentuale della posizione individuale maturata, sostenuto da un iscritto ad una forma pensionistica”.

L’ISC è calcolato secondo una metodologia definita dalla COVIP, in modo analogo per tutte le forme pensionistiche complementari, facendo riferimento a un aderente-tipo che versa un contributo annuo di 2.500 Euro e ipotizzando un tasso di rendimento annuo del 4%. Per il calcolo dell’indicatore vengono utilizzati i costi standard applicati dalle forme pensionistiche, senza tenere conto delle eventuali agevolazioni riconosciute a particolari categorie di aderenti.

“Per compiere scelte previdenziali consapevoli e adeguate – evidenzia ancora la Commissione – è necessario conoscere le caratteristiche delle forme pensionistiche. In particolare, è importante valutare i costi applicati, in quanto possono avere un impatto significativo sulla pensione che verrà erogata. Occorre infatti tenere presente che, a parità di condizioni, all’aumentare dei costi sostenuti minore sarà la prestazione pensionistica ricevuta al momento del pensionamento”.

Un ISC del 2% invece che dell’1%, ad esempio, può ridurre il capitale accumulato dopo 35 anni di partecipazione al piano pensionistico di circa il 18%.

Il comparatore sostituisce gli elenchi ISC in precedenza pubblicati sul sito della COVIP ed ha lo scopo di semplificare il confronto sull’onerosità delle diverse forme pensionistiche. I valori di ISC pubblicati nelle elaborazioni del comparatore sono quelli riportati nella “Scheda dei costi” predisposta da ciascuna forma pensionistica. E’ possibile accedere al dettaglio dei costi della singola forma pensionistica anche tramite il sito della Commisione, utilizzando l’elenco dei link delle schede dei costi.

 

Fonte: Intermedia Channel